Poesie di un Piemontese "Vecchia Biella Romantica"


VECCHIA BIELLA ROMANTICA


Nella vecchia soffitta
tra cocci ed arnesi
fra stracci e giornali
il silenzio riposa
sul tempo di ieri

nel distorto cassetto
della madia bacata
fra aghi e bottoni
mi riporta quel tempo
una foto ingiallita

vecchia Biella romantica
degli anni lontani
era il tempo dei sogni
e danzava la vita
con la mia gioventu'

alla vecchia stazione
davanti ai giardini
la gente scherzava
e il juke box a gettoni
suonava "only you "


maestoso il Mucrone
guardava il trenino
che arrancando saliva
e di voci e di canti
risuonava la valle

il "Biciulan" nella piana
fumando e sbuffando
avanzava pian piano
e la mondina dall'acqua
alzava la mano

il lavoro pulsava
per valli e pianure
e il giorno scorreva
ritmato e preciso
al suon di sirene

eri terra d'emigranti
cadregat e muratori
scalpellini ed imbianchini
contadini e forgiatori
eri terra di pastori

poi fruttando le risorse

che natura ti ha donato
dai tuoi fiumi hai creato
un impero del tessuto
con la lana ed il filato

con orgoglio e sacrificio
sono nate tessiture
lanifici, filature
come fiori son sbocciate
le tue alte ciminiere

hai accolto molta gente
d'ogni parte di stivale
d'ogni razza e continente
a chi invano lo cercava
hai donato un avvenire

tante volte sei caduta
con le guerre l'alluvione
con le lotte, recessione
ti sei sempre rialzata
con la forza e la passione

romantico mondo
d'un tempo lontano
scomparso pian piano
portandoti assieme
la mia gioventu'

ora vibri sei moderna
corri, fuggi...chissa' dove
sei caotica, fremente
non hai tempo per pensare
e' cambiata la tua gente

ferma un attimo la corsa 
guarda in alto il cielo azzurro
le tue valli verdeggianti 
il sorriso dei tuoi monti
la purezza delle fonti

sempre unica rimani
abbracciata dalle vette
sei un isola montana
e dall'alto la madonna
sorridendo...ti protegge

Raimondo Rocchetti









Commenti