Dove andiamo? "Lago del Mucrone"

LAGO DEL MUCRONE
Ho pensato che, vista la bella giornata di domani, promessa da chi del mestiere, di andare a farci una passeggiata. La più classica delle passeggiate dei Biellesi è di andare a fare visita al caro Lago del Mucrone. Ora vi dò due dritte (...no, non a voi biellesi, che ne saprete sicuramente più di me)...ma a chi arriva da qualche altra bella parte del Piemonte e non, che non è mai stato sal Mucrun. 



Un bacino di origine glaciale posto in una conca tra il monte Mucrone e il monte Rosso. Sulla cima del Monte si trova un'alta croce metallica. Una leggenda popolare vuole che la statua della Madonna nera sia stata trovata sul monte da alcuni pastori; trasportata a valle divenne pesantissima proprio dove ora sorge il santuario mariano. 
Le origine del monte inoltre sono comunque incerte , da studi negli ultimi anni è risultato possibile che un tempo quello che ora è l'omonimo lago fosse un cratere vulcanico , e che in seguito a una sua eruzione sia stata originata la sommità del monte con la sua tipica forma a "panettone" che possiamo ancora notare oggi.
Il monte Mucrone, per la sua caratteristica forma e per la sua posizione avanzata rispetto alle altre vette, è facilmente riconoscibile già salendo dalla "bassa" ed è giustamente considerato la montagna simbolo delle Alpi Biellesi. 

L’escursione è facile. Giunti a Oropa (km 12,000 da Biella), la strada prosegue a lato del Santuario e dopo aver superato la nuova Basilica raggiunge la stazione di partenza della funivia Oropa e continua in leggera discesa portandosi dalla parte opposta della Basilica dove si imbocca a sinistra la strada per la galleria di Rosazza in corrispondenza della cappella del Roc. Attraversato il torrente Oropa si riprende la salita ed in circa un chilometro si raggiunge, in corrispondenza di un tornante, il Delubro, strana costruzione rappresentante muri e colonne in rovina, nei pressi del quale si parcheggia a lato strada.
Sul lato destra del Delubro (1250 m) si imbocca una ampia strada contrassegnata dal segnavia D13 e dalle scritte O.F. (Oropa-Fontainemore) e percorsa dalla GTA (Grande Traversata delle Alpi). Si sale attraversando un fitto bosco e si percorre subito un lungo rettilineo al termine del quale, poco prima di attraversare il rio Giass Comune, si prosegue andando ad attraversare il torrente Oropa per poi innestarsi nell’altro versante con la pista sciistica Busancano. Nei pressi delle baite il sentiero si trasforma in mulattiera. dopodichè si arriva in una larghissima via che passa davanti al rifugio-albergo Savoia, e prosegue pianeggiante in direzione della conca nella quale è posto il lago del Mucrone (1903 m). Superato il cippo dei Bersaglieri, un ultima lieve salita conduce allo specchio d’acqua da dove nasce il torrente Oropa. 


Altrimenti....


per quelli pigri e malandati come me, si può prendere la Funivia.
Le funivie di Oropa sono dal 1926 un punto di riferimento per tutti gli appassionati di montagna che frequentano le Alpi Biellesi. 
L'impianto, primo in Italia e all'epoca il più alto d'Europa, fu sostituito nel 1961 e permette di raggiungere i 1900 metri di altezza.
La funivia Oropa-Lago del Mucrone porta in 7 minuti a 1900 m di altitudine, dove si trovano il rifugio Rosazza e l’Albergo Savoia.

Commenti